RACCONIGI REAL CASTELLO 

IL FREGIO RITROVATO

press to zoom

press to zoom

press to zoom

press to zoom
1/10

Commissionato nel 1839 da Carlo Alberto di Savoia Carignano, il fregio della lunghezza straordinaria di 36 metri si deve all’estro creativo di Pelagio Palagi, architetto di corte, e alla sapienza tecnica di Giuseppe Gaggini, scultore e professore all’Accademia di Belle Arti di Torino, che tradusse i disegni in un monumentale altorilievo in gesso. Destinato alla Sala del biliardo del Castello di Racconigi, l’opera non trovò tuttavia tale collocazione e nel corso del Novecento se ne persero addirittura le tracce. Rivenuta nel 2012, suddivisa in oltre 300 frammenti, è stata restaurata e sottoposta a una complessa operazione conservativa grazie al sostegno dall’Associazione Amici del Real Castello di Racconigi con il contributo delle Fondazioni CRT e CRC. La teca che l’accoglie, sospesa nel lungo corridoio sotto lo scalone di ingesso al Castello, è frutto di un progetto speciale di Officina delle Idee con Ottart, azienda leader nella costruzione di allestimenti museali.