FORTE DI BARD MUSEO DELLE FORTIFICAZIONI
IL SACRARIO DEL 4° REGGIMEMENTO ALPINI

press to zoom

press to zoom

press to zoom

press to zoom
1/16

La sfida affrontata insieme all’amico e collega Leandro Agostini è stata quella di esporre i cimeli appartenenti allo storico Sacrario del Battaglione Aosta e del 4° Reggimento Alpini, sino ad oggi conservati all’interno della Caserma “Cesare Battisti” nel capoluogo valdostano. L’iniziativa, organizzata dal Forte di Bard e dal Centro Addestramento Alpino dell’Esercito Italiano, è frutto della ricerca di Gianni Ardoino ed è curata da Gianfranco Ialongo. Le vicende belliche del primo Novecento avevano impresso un marchio indelebile in coloro che le avevano vissute. I pezzi, esposti e musealizzati sfuggendo a ogni retorica, sono tra i più rappresentativi e significativi della storia del Battaglione alpini: tra essi, i diari storici, lettere e fotografie dal fronte, uniformi d’epoca ed effetti personali appartenuti a coloro che parteciparono alle complesse e drammatiche vicende del Primo conflitto mondiale.