CHIOMONTE PIAN DEL FRAIS
LA' DOVE FUGGIRE

press to zoom

press to zoom

press to zoom

press to zoom
1/14

Difficile progettare qualcosa per sé stessi anche se spesso è la sola strada per sperimentare soluzioni formali e funzionali così estreme, difficili da proporre nella loro cruda, a tratti fastidiosa, durezza. Nei ritagli di tempo, per più di due anni, ho lavorato all’allestimento di questa casa, con l’aiuto fedele di Otello, artigiano e amico, forte di una pazienza rara, capace di sopportare troppe anomalie, troppi esperimenti o ripensamenti. Sulla struttura prefabbricata del complesso, abbiamo lavorato con l’idea di un allestimento, con pareti e pavimenti in legno, dove arredi fissi, che mai sfiorano il suolo, assolvono a tutte le necessità. Ci siamo procurati delle tavole di larice a basso costo, abbiamo costruito telai con semplici profilati metallici, dipinti di bianco. Abbiamo ritagliato e definito gli spazi. Abbiamo fatto tutto con poco, aggiungendo solo quattro sedie e una lampada di plastica.